CecalSrl

Operazione “Pasqua Sicura”. I Carabinieri del Comando Provinciale di Palermo, nell’ambito dei servi organizzati per tutto l’arco della settimana di Pasqua, in due distinte operazioni antidroga, hanno arrestato altri due pusher sorpresi con dosi di eroina e cocaina.

Ad entrare in azione i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Piazza Verdi che in ordine hanno tratto in arresto Marco Tarallo, nato a Palermo, 1972, ivi residente in via Azolino Hazon, ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo eroina.

Gli investigatori dopo aver organizzato un servizio nei pressi della zona di via Cappuccinelle e vie limitrofe del quartiere “Capo”, area abitualmente frequentata da spacciatori e/o tossicodipendenti, notavano la presenza di Marco Tarallo, volto noto alle forze dell’ordine, aggirarsi con fare sospetto, tipico atteggiamento del navigato pusher.
Lo stesso, dopo essersi avvicinato all’impalcatura di una palazzina pericolante, prelevava da una scatoletta in metallo, presumibilmente droga e subito dopo la nascondeva nuovamente all’interno di uno dei tubi dell’impalcatura. A questo punto avendo avuto la certezza i Carabinieri decidevano di intervenire.
Raggiunto il Tarallo, questi accortosi della presenza dei Carabinieri con una manovra fulminea tentava di disfarsi di un “involucro” di colore bianco gettandolo a terra. All’interno del un tubo dell’impalcatura veniva recuperata la scatoletta di alluminio di colore arancio con all’interno nr. 7 “involucri” di plastica, chiusi a caldo, contenenti della sostanza polverulenta del tipo EROINA del peso complessivo di 1,6 grammi circa.
Contestualmente veniva recuperata la sostanza che il Tarallo aveva gettato a terra contenente EROINA del peso di 0,2 grammi circa.
Tarallo, quindi, accompagnato in Caserma è stato sottoposto a perquisizione personale con esito positivo, poiché all’interno della tasca destra del jeans veniva recuperata la somma contante di 140 €, ritenuta sicuro provento illecito dell’attività di spaccio.
Pertanto, Tarallo veniva dichiarato in stato di arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo EROINA e su disposizione della competente Autorità Giudiziaria è stato associato presso la casa circondariale “Pagliarelli” di Palermo.

Nella serata di giovedì la pattuglia del Nucleo Operativo della Compagnia Piazza Verdi organizzava un servizio per la prevenzione e la repressione del traffico di sostanze stupefacenti e/o psicotrope nei pressi della zona di via Casa Professa e vie limitrofe del quartiere “Ballarò”, area abitualmente frequentata da spacciatori e/o tossicodipendenti. I militari dell’Arma osservavano due giovani che prendevano contatto con un cittadino extracomunitario. Quest’ultimo, prelevava un pacchetto di sigarette dalla tasca destra dei jeans, prelevava qualcosa dal suo interno e la cedeva ad uno dei due acquirenti, ricevendo in cambio denaro.

A questo punto i militari decidevano di intervenire. I due acquirenti notata la presenza dei Carabinieri si davano a repentina fuga tra i vicoli stretti del quartiere, mentre con il pusher veniva ingaggiata una breve fuga nel tentativo di sfuggire al controllo, spintonando con violenza riuscendo con non poca fatica ad immobilizzarlo. Nel corso dell’operazione veniva recuperata a terra la somma di 20 euro, provento della precedente cessione.
Alla luce di quanto sopra il pusher veniva accompagnato in Caserma dove riferiva di chiamarsi FRANCIS Jisquo, nato in Ghana classe 1982, di fatto domiciliato a Palermo presso la missione “Speranza e Carità”. Sottoposto a perquisizione personale all’interno della tasca sinistra del jeans, veniva rinvenuta la somma contante di 525 euro, mentre all’interno della tasca destra del jeans, un pacchetto di sigarette marca “WINSTON” dove era occultato un involucro di plastica di colore bianco, contenente nr. 31 “involucri” di plastica, chiusi a caldo, contenenti della sostanza polverulenta di colore nocciola presumibilmente stupefacente del tipo EROINA del peso complessivo di 13 grammi circa – una bustina di plastica trasparente contenente nr. 5 “involucri” di plastica, chiusi a caldo, contenenti della sostanza polverulenta di colore nocciola presumibilmente stupefacente del tipo EROINA del peso complessivo di 1,6 grammi circa – un palloncino di colore azzurro con l’effige di Pisolo contenente nr. 2 “involucri” di plastica, chiusi a caldo, contenenti della sostanza polverulenta di colore bianco presumibilmente stupefacente del tipo COCAINA del peso complessivo di 0,6 grammi circa.
FRANCIS Jisquo, veniva dichiarato in stato di arresto per i reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo EROINA e COCAINA e resistenza a un P.U., nella giornata di ieri è stato giudicato con rito direttissimo, conclusosi con la convalida dell’arresto e la sola misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di Palermo, pertanto rimesso in libertà.
Sono in corso indagini dei Carabinieri della Compagnia Piazza Verdi al fine di accertare i canali di rifornimento della droga, recuperata nel corso delle due operazioni antidroga.

foto d’archivio

CONDIVIDI