CecalSrl

Il team catanese riparte con programmi di vertice e nella gara siciliana del 19 aprile schiera Domenico Cubeda sull’Osella PA2000 Honda affiancandogli tra i prototipi Corona e nelle Turismo Aragona, Riso e Portale.
Per la scuderia Cubeda Corse è il momento di lanciarsi nel 2015. La stagione sportiva del team catanese scatta proprio in Sicilia alla 57^ Monte Erice, prima prova di Campionato e Trofeo Italiano Velocità Montagna dal 17 al 19 aprile. Dopo un primo biennio di successi oltre le aspettative, la squadra diretta da Sebastiano Cubeda riparte dalla massima serie tricolore per confermarsi ai vertici con programmi ambiziosi. A Erice saranno cinque i portacolori: Domenico Cubeda, Corona, Aragona, Riso e Portale.

Per Cubeda la salita trapanese è stata appuntamento importante nelle ultime due stagioni per la conquista del doppio titolo di Campione Siciliano e di uno di TIVM. Il veloce driver etneo vuole continuare il trend positivo al volante della sport biposto Osella PA2000 Honda che ritrova in gara dopo l’inverno e con qualche novità tecnica, sempre seguito dal preparatore Paco74 e sulla quale Domenico ha l’obiettivo di restare ai vertici nella classifica assoluta e in quelle di gruppo E2B e di classe 2000. Un’impresa non semplice vista la presenza degli specialisti da tutta Italia e di numerose auto motorizzate con propulsore tre litri, ma che Cubeda è già riuscito a cogliere in passato, anche vincendo l’assoluta in diverse gare CIVM e TIVM.
Sempre con stuzzicanti ambizioni torna al volante dell’Osella PA21/S Honda in questo caso di gruppo CN l’altro catanese Giuseppe Corona. Il giovane pilota rivelazione 2014 inaugura a Erice la sua seconda stagione al volante di un prototipo in una delle categorie più in fermento e dove sono approdati diversi “coetanei”. Per lui in primis si guarderà a una conferma su livelli capaci di fargli mantenere ritmi di gara di rilievo e alla conquista di punti pesanti in ottica TIVM Sud, dove difende il Trofeo conquistato lo scorso anno all’esordio.

Ai nastri di partenza in gruppo E1 torna dopo un anno sabbatico Giuseppe Aragona. Il calabrese e ormai pugliese d’adozione è pronto a dare spettacolo sull’agile e sorprendente Peugeot 106 di preparazione propria con la quale si era aggiudicato la classe 1600 nel CIVM 2013: ad attenderlo, fin da Erice, duelli accesi con una concorrenza competitiva sulle strade del Tricolore e del Trofeo. Con i colori Cubeda Corse alla Monte Erice si schierano poi altri due catanesi, entrambi su Fiat 126: si tratta di Santo Riso, che dopo un paio di anni di sosta e con esperienze sia su auto Turismo sia su prototipi ha deciso di essere in gara nella categoria delle Bicilindriche, e del promettente Daniele Portale, iscritto nello stesso gruppo sulla 126 con la quale nelle salite si è imposto lo scorso anno nel Sicily Challenge 700.
La 57^ Monte Erice si disputa su un tracciato di 5,73 chilometri con dislivello tra partenza e arrivo di 410 metri (pendenza media del 7%). Il primo round del CIVM prevede venerdì verifiche sportive e tecniche, sabato due manche di prove ufficiali dalle 10.30 e domenica 19 aprile gara-1 e gara-2 con primo start alle 9.

CONDIVIDI