CecalSrl

Iniziano i primi incendi in Sicilia èd è già allarme per la sterpaglia che si allarga  macchia d’olio nei territori siciliani, Dopo Randazzo,Pollina e Monreale , stamattina in concomitanza con il vento di scirocco è toccato a Villaciambra – Altofonte e San Martino delle Scale e dove i vigili del fuoco sono impegnati attualmente a spegnere la sterpaglia che avanza in altezza e larghezza. Purtroppo ancora la Regione in concomitanza con l’Azienda Foreste non ha avviato gli operai Forestali sia per la manutenzione per prevenire le fiamme con i viali parafuoco , sia gli addetti allo spegnimento per essere già operativi dove lo si richiede. Questa ondata di calore che si sta catapultando sulla Sicilia, ripropone annualmente il problema di prevenzione e spegnimento e trova sempre impreparato un sistema che dovrebbe farsi pronto nel mese di Maggio. In questi giorni si sta muovendo qualcosa per quanto riguarda le visite mediche degli operai e qualche avviamento sparso in qualche distretto, dove gli operai lamentano ancora la mancanza di inefficienza generale al comparto e la mancata manutenzione dei mezzi di spegnimento con i problemi di messa in sicurezza anche degli indumenti e del materiale in dotazione che già dovrebbero avere. Cosi’ come gli addetti alla manutenzione che si trovano ancora ad essere avviati in un momento critico per la salvaguardia del territorio e che, come sempre dove si è iniziato già a lavorare, lo si è fatto con il solito “spezzatino” di giornate, parliamo di 15-30 giorni. riproponendo i primi licenziamenti dove si è iniziato e mantenendo i disagi degli anni passati e con il probabile handicap di non arrivare alla conclusione delle garanzia di fascia occupazionale dei forestali a 151 giornate e successivamente, a scalare per le altre fasce di competenza se, ancora la lenta burocrazia e la malavoglia di agire sovrasta il controllo del problema prendendone il sopravvento. Sistema non più tollerabile e digeribile per l’intero comparto e vista la situazione generale, urge rimboccarsi le maniche ed affrontare la causa prima che si ripetano gli incendi dello scorso anno !.

Antonio David
    La redazione di Forestalinews

CONDIVIDI