CecalSrl

Domenica 7 giugno, nei pressi della caratteristica piazza principale di Cerda, si è tenuto l’ultimo atto della XXV edizione del “Giro di Sicilia”, la storica manifestazione automobilistica ASI-FIVA organizzata dal “Veteran Car Club Panormus” con la collaborazione di altri prestigiosi club isolani.

Il vincitore della Classifica assoluta di quest’edizione è stato l’equipaggiamento Moceri-Dicembre, che ha corso a bordo di una Fiat 508 C del 1939.

Quest’ anno il “Giro di Sicilia” ha ottenuto un enorme successo grazie alla partecipazione di ben 150 equipaggiamenti, un numero mai registrato nelle edizioni precedenti.  Il “Giro”, partito da Palermo giovedì 4 giugno alla presenza del Sindaco Leoluca Orlando, aveva visto i partecipanti,  appassionati delle quattro ruote provenienti da tutta Italia, percorrere un tracciato di circa 900 km nel giro di tre giorni, un percorso che ha toccato quasi tutte le nove province del territorio siciliano e che ha attraversato varie città, da Caltagirone a Gela fino a Milazzo. L’obiettivo dei partecipanti, oltre a quello di concorrere per i diversi premi previsti, è stato soprattutto quello di ammirare le bellezze e i tesori della Trinacria, transitando per le sue suggestive strade a bordo delle proprie eleganti macchine d’epoca.

“E’ indescrivibile quello che si prova ad attraversare questo magnifico percorso” afferma  Antonino Panepinto, Segretario Tesoriere del Veteran Car Club Panormus, “un percorso che fa ormai parte del mito e che ogni pilota mondiale di automobilismo ha cercato e ha desiderato di vincere, come il nostro Nino Vaccarella, l’orgoglio dell’automobilismo siciliano”.

Nell’edizione di quest’anno è stata inoltre reintrodotta la tappa Tribune di Cerda – Cerda, una tappa che non veniva inclusa da tempo nel “Giro di Sicilia”. Come degna conclusione della manifestazione, l’arrivo delle automobili in gara ha avuto luogo a Cerda, simbolo della Targa Florio: “Forse non tutti sanno”, dice il Sindaco di Cerda Giuseppe Ognibene, “che il Giro di Sicilia è stato ideato e voluto da Vincenzo Florio, il pioniere dell’automobilismo mondiale nella nostra cittadina di Cerda. Pertanto, quando il Presidente del Veteran Car Club Panormus ha proposto di far arrivare il Giro qui a Cerda, noi abbiamo fortemente caldeggiato  quest’idea, proprio per la valenza particolare che tale manifestazione assume per Cerda e poiché l’arrivo nella nostra cittadina segna una tappa importante nella storia automobilistica cerdese.

Il nostro obiettivo”, continua il Sindaco Ognibene, ” è quello di organizzare un altro evento di tale rilevanza anche l’anno prossimo, anno in cui ricorrerà il centenario delle corse della Targa Florio, così da potere dare lustro alla nostra cittadina e ribadire la provenienza cerdese della marca Targa Florio”.

A termine della storica manifestazione automobilistica, i concorrenti, a bordo delle loro auto d’epoca, hanno fatto il loro ingresso nella cittadina cerdese, sfilando lungo la via principale e sostando per diverse ore all’interno della suggestiva piazza principale del paese, tra gli sguardi appassionati del pubblico presente.

Per il paese di Cerda vi è stato un ulteriore fattore che ha determinato la particolare rilevanza di questa edizione. Il “Giro di Sicilia”, infatti, ha visto per la prima volta in assoluto la partecipazione di un cittadino cerdese, il signor Mario Antonio Cirri, che ha guidato una Porsche 911 SC del 1983 accompagnato dalla moglie Maria Giuseppa: “Una bellissima esperienza, che resterà nei ricordi di ognuno di noi. C’è un po’ di stanchezza, dal momento che abbiamo percorso quasi tutta la Sicilia in soli tre giorni, ma è niente in confronto alla grande  soddisfazione per aver partecipato a questo Giro di Sicilia”.

Ad accogliere i rappresentanti del “Veteran Car Club Panormus” erano presenti, oltre  al Sindaco Ognibene, anche gli Assessori Maria Zambaldo e Raffaele Insinga. I presenti hanno potuto degustare i prodotti tipici locali messi a disposizione dall’Azienda agricola “Bosco Ficuzza” e partecipare all’aperitivo preparato dal  ristorante “Il Marchese”, il tutto animato dalle marce della banda musicale di Cerda.

“Sono veramente onorato” dice il delegato Asi Enzo Mainenti, “di essere stato presente a questo grande evento.  Personalmente, dopo aver partecipato da Commissario alla “Mille Miglia” tradizionale, posso definire questa manifestazione la seconda Mille Miglia d’Italia, la “Mille Miglia del Sud”. Devo inoltre sottolineare la meravigliosa  accoglienza che abbiamo ricevuto nei vari paesini, fin da giovedì scorso. Credo che questa sia stata un’edizione degna davvero di essere scritta nelle più belle pagine della storia del “Giro di Sicilia”, e questo successo fa soprattutto onore alla nostra Federazione Asi e a tutti quegli organizzatori che hanno sicuramente lavorato tanto per permettere un risultato del genere. Già da domani si inizierà a lavorare per la prossima edizione, con l’augurio di poter fare ancora meglio di quest’anno”.

Di seguito il sito del “Giro di Sicilia”:

www.girodisicilia.it

Salvo Gullo

CONDIVIDI