CecalSrl

La deputata Cinquestelle Claudia La Rocca prende in causa i lavori sul cineteatro di Castelbuono e il Museo storico delle Pelagie a Lampedusa: “Entrambi i lavori dovevano essere consegnati diversi mesi fa”.
Si è tenuta oggi in commissione Bilancio l’audizione dell’assessore ai Beni Culturali in merito all’utilizzo ed alla programmazione dei fondi regionali ed extraregionali relativi al settore.
Per i fondi Poin la somma vale circa 9 milioni, fra economie e revoche, mentre per i Pac siamo indietro di circa 25milioni, il dipartimento ha presentato pertanto alla commissione un apposito documento contenente delle ipotesi di finanziamento dei progetti interessati, che riguardano siti come la Valle dei Templi o il Parco archeologico di Segesta, a valere sulla prossima programmazione UE 2014/2020 a valere sulle risorse del programma PON Cultura 2014/2020. Per quanto riguarda il Po/Fesr la situazione non è migliore, al momento solo 40milioni di euro su 220milioni iniziali risultano certificati, anche se l’assessorato in questione conta di farcela entro il prossimo dicembre.
“Pochi mesi per evitare di perdere risorse importanti per la nostra isola – afferma Claudia La Rocca, deputata M5S componente della II commissione – e la necessità di fare pressing sui Comuni per l’impellente bisogno di ultimare e rendicontare i lavori entro dicembre 2015. Ho fatto presente durante la seduta di fare delle verifiche imminenti sui casi di Castelbuono e Lampedusa, per i quali ho già inviato appositi atti parlamentari, il primo relativamente ai lavori sul cineteatro Le Fontanelle, per un valore di 2milioni di euro, ed il secondo in merito ai lavori del Museo storico delle Pelagie, per un valore di circa 900mila euro. Entrambi i lavori dovevano essere consegnati diversi mesi fa, e fra cantieri montati e smontati, non si ha ben chiaro perché i lavori si siano fermati“.

 

CONDIVIDI