CecalSrl

Circa sei mesi fa, il 6 febbraio 2015 verso le 20:00 ad Aspra, località marinara di Bagheria, due giovani con il volto parzialmente travisato, facevano irruzione all’interno di un supermercato sito nei pressi del lungo mare. I due malviventi entrarono all’interno del supermercato armati di pistola e sotto la minaccia dell’arma, si fecero consegnare dal titolare, l’incasso della giornata, pari a circa 150 euro. Le concitate fasi della rapina e la reazione dei dipendenti – che arrivarono anche ad inseguire i due – colsero di sorpresa i rapinatori che, presi dal panico scappavano a piedi, abbandonando il ciclomotore che avevano parcheggiato a breve distanza e che avrebbero dovuto utilizzare per la fuga.
Fin dai primi attimi successi alla rapina, i Carabinieri attivavano le indagini finalizzate ad assicurare alla giustizia i due rapinatori. Le investigazioni sono partite dal ciclomotore rinvenuto a circa 50 metri dal supermercato che, da subito, destava i sospetti degli inquirenti. In effetti l’intuizione si rivelava fondata: lo scooter era in uso a Antonino Fragali, classe 1994, palermitano, del quartiere Sperone, arrestato insieme a Alessio Salvo Caruso, classe 1995, anch’egli dello Sperone.
Grazie alle investigazioni svolte dai militari mediante i metodi tradizionali di osservazione e pedinamento, nonché mediante l’ausilio di strumenti tecnici, le indagini hanno consentito di accertare la responsabilità dei due che, a conclusione diella serrata e intensa attività di indagine sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

CONDIVIDI