CecalSrl

Con riferimento alla interrogazione dell’On. Valentina Palmieri del M5S relativa alla problematica dei cinghiali sulle Madonie, il presidente dell’ente Parco Angelo Pizzuto precisa quanto segue:

 “IL Piano di gestione della fauna selvatica sulle Madonie, che comprendeva sia la cattura attraverso gabbie e chiusini ma anche l’abbattimento selettivo supervisionato dei suidi è stato presentato all’assessorato alle risorse agricole nel 2010. Da quel piano, decretato nel 2011, fu stralciato l’abbattimento e approvata la semplice cattura. Per attuare il piano, occorreva un finanziamento regionale, come prevede la L.R 12/2008, richiesto ripetutamente dall’ente parco all’assessorato, finanziamento ad oggi mai concesso.
Nella seduta della commissione Ambiente ho ribadito che l’ente parco ha negli anni operato il controllo della fauna selvatica SOLTANTO con i mezzi propri a sua disposizione, attraverso un limitato numero di gabbie e chiusini acquistati con fondi del parco che sono assolutamente insufficienti ad arginare i suidi ibridi inselvatichiti, in considerazione anche dell’enorme numero di capi nel frattempo raggiunto.
Ribadisco inoltre che, a seguito di ricerche e studi sulla materia, la SELEZIONE ( e non caccia) è l’unico sistema sensato per contenere il proliferare del numero dei suidi che ormai ha raggiunto nell’area parco migliaia di unità, che mettono a repentaglio la pubblica incolumità dei residenti, le colture ed i feudi privati e soprattutto produce danni incalcolabili ad un ecosistema come quello delle Madonie che l’ente parco tenta da anni di proteggere.
Nessuno all’ente parco, ne tantomeno io, abbiamo mai parlato di “braccata”. Al contrario, nel piano presentato dall’ente parco è  prevista la “girata”, una tecnica considerata  molto meno invasiva, tant’è che la stessa ISPRA aveva reso parere favorevole oltre “all’aspetto da appostamento”, altra tecnica poco invasiva per l’ambiente.  L’abbattimento selettivo, per chi non lo sapesse, è uno strumento largamente utilizzato nei parchi italiani ed europei per gestire la fauna selvatica e proteggere il territorio unitamente alle catture tramite gabbie e chiusini che, se finanziate, saranno implementate e seguite parallelamente all’abbattimento. La tecnica consiste nell’individuare L’ESEMPLARE NOCIVO, in questo caso il cinghiale ibrido inselvatichito, per abbatterlo attraverso i mezzi previsti dalla legge per ridurne il numero ad una quantità che sia possibile tenere sotto controllo.
Siamo certamente d’accordo con il fatto che l’abbattimento selettivo non costituisce attività venatoria, ma soltanto una attività di difesa del territorio, e non sarà previsto “sine die” ma soltanto per il tempo necessario ad arginare il fenomeno ed a ristabilire il giusto equilibrio tra l’uomo e la fauna che lo circonda”.
CONDIVIDI