CecalSrl

In data 31 maggio /1 giugno 2015 si sono svolte le elezioni amministrative per il rinnovo della carica di sindaco e per il rinnovo del consiglio comunale di Scillato. Alle elezioni hanno partecipato due candidati a sindaco con le rispettive liste, e precisamente il Sig. Giuliano Cortina (a destra nella foto), collegato alla lista “Cortina Sindaco-A Scillato l’alternativa c’è” e Giuseppe Frisa, collegato alla lista “Costruire Futuro”. Al termine delle operazioni di voto i candidati conseguivano 241 voti Giuliano Cortina, e 245 voti Giuseppe Frisa (a sinistra nella foto), che risultava eletto sindaco. Durante le operazioni di spoglio il rappresentante della lista “Cortina Sindaco” contestava l’attribuzione di diverse schede elettorali; dopodiché il candidato non eletto Cortina proponeva un ricorso davanti al TAR Sicilia, con il patrocinio dell’avvocato Francesco Leone, per l’annullamento del verbale di proclamazione degli eletti e per la correzione del risultato elettorale in proprio favore. Si costitutiva in giudizio il sindaco neo eletto Giuseppe frisa, rappresentato e difeso dagli avvocati Girolamo rubino e Giuseppe impiduglia, eccependo l’inammissibilità del ricorso sotto molteplici profili. In particolare gli avvocati Rubino e Impiduglia hanno eccepito l’inammissibilità del ricorso perché avente una finalità chiaramente esplorativa, finalizzato ad un esame globale del risultato elettorale, previo rifacimento pressocchè integrale delle operazioni di spoglio e di scrutinio, nonché per genericità delle censure. Il TAR SICILIA PALERMO, SEZIONE SECONDA, Presidente il DR Cosimo Di Paola, Relatore il DR: Sebastiano Zafarana, condividendo le eccezioni formulate dagli avvocati Rubino e Impiduglia, ha dichiarato inammissibile il ricorso patrocinato dall’Avvocato Francesco leone, condannando anche il ricorrente giuliano Cortina al pagamento delle spese giudiziali, Pertanto, per effetto della sentenza resa dal TAR, Giuseppe Frisa resterà in carica quale sindaco di Scillato mentre giuliano cortina pagherà le spese giudiziali.

CONDIVIDI