CecalSrl

Anche i Forestali delle Madonie hanno deciso di essere presenti nella lotta al lavoro, quindi di essere presenti lungo la SS 643 che collega Polizzi a Scillato, quindi aumentando ancor di più il disagio e il rallentamento del traffico che da quando è ceduto il pilastro sulla Palermo – Catania sono aumentati i disagi, quindi emergenza su emergenza. Purtroppo nessuno vuole creare difficoltà a coloro che viaggiano per lavoro, per raggiungere l’altra parte della Sicilia, ma a volte si deve agire in modo impulsivo , visto le condizioni in cui la gente viene privata in principi che ormai nemmeno esistono. I forestali si sono riuniti in modo pacifico presso il bivio che imbocca la A19 per protestare e chiedere i loro diritti sulle giornate lavorative. I lavoratori sono arrabbiati su tutto quello che sta accadendo sulla loro pelle e chiedono solo di completare le giornate per poter raggiungere quel minimo che resta del lavoro, visto che ormai non più essere chiamato tale, visto le condizioni in cui si ottengono le cose e il modo in cui si viene trattati, cioè abbandonati come delle pecore al pascolo e, non avendo una guida degna di essere rappresentati.Non si accettano nemmeno questi 12 milioni stanziati ieri dal governo regionale, dove si possono fare soltanto 6 giorni lavorativi, quindi fra una settimana si ripresenterà l’ennesima poesia ! I forestali sono decisi di portare avanti la battaglia per ottenere qualcosa di positivo, si pera di riuscire nell’impresa. Dagli scioperi di questi giorni e di tutto quello che sta succedendo in Sicilia si cerca di poter arrivare a “comi voli Diu” nel raggiungimento della garanzia occupazionale, ma purtroppo il conto momentaneamente lo stanno pagando i lavoratori a 78 giornate che vedono oscurare tale obiettivo visto che già da due giorni sono fermi e sembra svanito l’obiettivo principale, a meno che si cerchi di aiutarli in modi diversi se si vuole riparare ad un danno che il governo regionale doveva prevenire, visto che annualmente si ripete lo stesso problema.

Antonio David Redazione Forestalinews

CONDIVIDI