CecalSrl

E’ di otto arresti il bilancio dei controlli antidroga nell’ultima settimana, dalle due Compagnie Carabinieri di Palermo Piazza Verdi e San Lorenzo, eseguiti in diversi quartieri della città, tesi al contrasto del dilagante fenomeno dello spaccio e consumo di sostanze stupefacenti tra i giovani.
In ordine di data nella nottata del 14 a Palermo, in via del Visone, i Carabinieri della Stazione Oreto, nell’ambito servizio antidroga nel quartiere Bonagia, traevano in arresto: La Rosa Riccardo, nato a Palermo nel 1996, ivi residente in via della Martora, disoccupato, incensurato.
Il presunto pusher veniva sorpreso a cedere dosi di hashish a tre giovani acquirenti, tutti residenti a Termini Imerese, segnalati alla locale Prefettura quali assuntori di sostanze stupefacenti per scopo non terapeutico.
Il La Rosa, nel corso delle perquisizioni locale e personale veniva trovato in possesso di 3 dosi di hashish per un peso di 6 grammi e 30 dosi di marijuana per un peso di 64 grammi, poste in sequestro unitamente alla somma contante di euro 240 ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio al dettaglio.
L’arrestato tradotto presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari, dopo la convalida è stato sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria, pertanto rimesso in libertà.
Il 18 novembre, nel corso della nottata, a Palermo, i Carabinieri della Stazione Oreto, sempre nell’ambito di un mirato servizio antidroga svolto nel quartiere “Bonagia”, hanno tratto in arresto: Taormina Gaspare, nato a Palermo nel 1994, ivi residente, disoccupato, noto alle forze dell’ordine e Buscemi Ignazio, nato a Palermo nel 1983, ivi residente, disoccupato, incensurato.
I due presunti pusher, dopo essere stati bloccati a seguito di perquisizione personale, venivano trovati in possesso di grammi 35 di marijuana, già suddivisa in dosi, e della somma contante di euro 37, ritenuta provento dell’attività illecita.
Gli arrestati tradotti presso le proprie abitazioni in regime degli arresti domiciliari, in attesa del giudizio direttissimo, dopo la convalida, su disposizione del G.I.P, sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari.
Il 19 novembre 2015, verso le ore 16.30 circa, a Palermo, i Carabinieri della Stazione di Brancaccio, traevano in arresto in esecuzione ordine di carcerazione: Russo Vito, nato a Palermo nel 1967, ivi residente in Largo Giuseppe Di Vittorio, noto alle forze dell’ordine. Il prevenuto, deve espiare la pena di anni 1, mesi 1 e giorni 10 di reclusione per il reato di “spaccio di sostanze stupefacenti” commesso in questo centro il 30 aprile 2014. L’arrestato è stato associato presso la locale casa circondariale Pagliarelli a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
Nella serata del 19, verso le ore 22.00, a Palermo, i Carabinieri della Stazione Falde arrestavano per “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti” Noschese Paolo, nato Salerno nel 1967, residente Palermo Via Quinta Casa e la coniuge convivente Seidita Rosanna, nata Palermo nel 1958, entrambi nullafacenti volti noti alle forze dell’ordine. I militari dell’Arma, dopo aver notato i predetti cedere grammi 1 di sostanza stupefacente tipo “hashish” a un acquirente palermitano, a sua volta segnalato alla locale Prefettura quale assuntore di sostanza stupefacente per uso personale, eseguivano un’accurata perquisizione domiciliare rinvenendo complessivamente, nella di disponibilità della coppia, grammi 345 sostanza stupefacente tipo “marijuana” e grammi 100 tipo “hashish”, già suddivisa in dosi, un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento unitamente somma contante € 60,00, presunto provento illecita attività. Tutto lo stupefacente, denaro e materiale, sono stati sequestrati, per le successive analisi di laboratorio.
Gli arrestati sottoposti in regime arresti domiciliari presso la propria abitazione, in attesa celebrazione rito direttissimo conclusosi con la convalida. Per Noschese Paolo si sono aperte le porte del carcere “Pagliarelli”, mentre per la convivente Seidita Rosanna è stata disposta la misura cautelare degli arresti domiciliare.
Il 20 novembre 2015, alle ore 19.00, a Palermo, i Carabinieri del Nucleo Operativo e della Stazione Oreto, unitamente a personale della C.I.O. del XII Battaglio Sicilia, nel corso di un’attività di controllo del territorio traevano in arresto: Matranga Rosalia, nata a Palermo nel 1973, ivi residente in via del Bassotto, disoccupata, nota alle forze dell’ordine, poiché seguito perquisizione personale e veicolare, veniva trovata in possesso di grammi 188 di sostanza stupefacente tipo marijuana, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento. L’arrestata giudicata con rito direttissimo, dopo la convalida è stata sottoposta alla misura cautelare degli arresti domiciliari.
A seguire l’arresto di Mazzara Salvatore, nato a Palermo nel 1985, ivi residente in Fondo Spanò, disoccupato, incensurato, poiché a seguito perquisizione personale, veniva trovato in possesso di grammi 30 di sostanza stupefacente tipo marijuana e grammi 5 di tipo hashish.
Nel corso del servizio sono stati controllati n. 28 cittadini comunitari, n. 2 persone sottoposte a misure di prevenzione, n. 19 veicoli, elevate 7 contravvenzioni al c.d.s., ritirate n. 1 carta di circolazione, n. 1 veicolo sottoposto a sequestro amministrativo.
L’arrestato giudicato con rito direttissimo, dopo la convalida è stato sottoposta alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria, pertanto rimesso in libertà.

CONDIVIDI