CecalSrl

Anche quest’anno  verrà a trovarci per portare dolci sorprese insieme al suo compagno Maccavaddu.

Scenderà  dalla sua casa sulla Rocca per festeggiare con noi la fine dell’anno.

 Voi la conoscete la Vecchiastrina?

La Vecchiastrina non è la Befana ma è una vecchietta, bruttina ma simpatica, che vive sulla Rocca e dall’alto ogni giorno osserva quello che facciamo: come dicevano i nostri nonni “ accura a chiddu chi fa picchì a vecchiastrina du casteddu si nn’adduna”. Chi si comporta bene nella notte dell’ultimo dell’anno riceverà un dono dalla Vecchiastrina.

 Sapete cosa facevano i nostri nonni quando erano bambini per attirare l’attenzione della Vecchiastrina e farle sapere che da lei aspettavano i regali?

Trascinavano per le strade i “lanni”, rottami di ferro e di latta che facevano un rumore assordante.

Noi oggi abbiamo sostituito i lanni con vecchie pentole e coperchi, meno pericolosi, che grandi e piccini possono suonare a tempo di musica con i ragazzi della banda Santa Cecilia.

 Nel pomeriggio del 31 dicembre vedrete le fiaccole accese sui merli della Rocca.

Saranno accese  per illuminare il sentiero che dalla casa della Vecchiastrina porta fino al centro di Cefalù.

In piazza Garibaldi alle 17,30 accoglieremo la Vecchiastrina e accenderemo le fiaccole per accompagnarla nel suo giro nel centro storico fino in piazza Duomo.

 L’Ass. Cult. Mus. Santa Cecilia, che da oltre vent’anni inscena la discesa dalla Rocca della Vecchiastrina, augura a tutti voi un sereno anno nuovo e ringrazia il gruppo Agesci e la prof.ssa Tilde Coco per avere collaborato nell’organizzazione di questa manifestazione.

CONDIVIDI