CecalSrl

La stagione 2015 degli Amici della musica di Cefalù Salvatore Cicero, in collaborazione con il Comune, la Pro Loco, il Cinema Di Francesca e la Fondazione Mandralisca, giunge mercoledì 30 dicembre ore 18,30 all’ultimo appuntamento al Teatro comunale Salvatore Cicero, con il duo Duo-Schembri – Greco (nella foto)

Mauro Schembri (mandolino)

Alessandro Greco (pianoforte)

Musiche: L. V. BEETHOVEN, RAFFAELE CALACE, ARMIN KAUFMANN, HANS GAL, HARALD GENZMER, LUCIANO CHAILLY

Ultimo appuntamento della stagione concertistica degli amici della Musica di Cefalù Salvatore Cicero, prevede un importante appuntamento: “Il mandolino del Novecento: dalle radici romantiche al contemporaneo” Duo-Schembri – Greco

L’accordo con la Fondazione Mandralisca consentirà agli spettatori dei concerti di visitare anche le collezioni del museo Mandralisca di Cefalù.

Il Duo, di recente formazione, nasce nell’aprile del 2015 da un’idea dei musicisti Mauro Schembri (Mandolino) e Alessandro Greco (Pianoforte) in occasione di una collaborazione con l’Auditorium Rai di Palermo e il progetto specialistico per allievi di particolare talento «GMC – Giovani musicisti del Conservatorio» del Conservatorio “V. Bellini”di Palermo.

Il programma è ricco e variegato, con particolare attenzione al repertorio originale per questa formazione, purtroppo spesso dimenticato, e alle composizioni di musica contemporanea che sorprendono per la vasta varietà ritmica e timbrica. La formazione infatti propone un particolare programma da concerto composto da brani di autori come Beethoven, Calace, Kaufmann e Chailly, che costituiscono la parte più rilevante del repertorio originale, e che mirano alla rivalutazione della figura mandolino in ambiente colto. Un percorso, anzi un vero e proprio viaggio che dalla scrittura classica di Hummel e Beethoven, passando per la scuola napoletana di Calace, approda alle sperimentazioni contemporanee di Genzmer e Chailly, fornendo così all’ascoltatore nuovi e interessanti “chiavi di lettura” del repertorio mandolinistico, spesso erroneamente associato alla sola tradizione popolare. Il Duo si è esibito presso numerose associazioni culturali regionali riscuotendo sempre particolare interesse e consenso.

Alessandro Greco. Inizia gli studi pianistici da giovanissimo sotto la guida del M° Giuseppe Lo Mauro, per poi proseguirli presso l’accademia “Clara Schumann” di Palermo con il M° Giuseppe Messina. Sotto la guida del M° Calogero Di Liberto, nel luglio 2010, si diploma al Conservatorio Santa Cecilia di Roma. Ha partecipato a varie Master Class tenute dai maestri Ana Marija Markovina, Sandro Russo, Calogero Di Liberto, Vincenzo Balzani, Nino Gardi, Aquiles Delle Vigne, Irene Veneziano, Bruno Canino, nonchè a rassegne e concorsi pianistici, ottenendo sempre risultati brillanti. Tra i più significativi il 1° premio e premio speciale “Franz Liszt” migliore esecuzione di un brano di Liszt) al concorso pianistico “Città di San Giovanni Teatino” 2009 (CH), il 1° premio assoluto al concorso pianistico “Città di Palermo”, 1° premio assoluto al concorso pianistico “Città di Catania” e al 4° concorso pianistico europeo città di Villafranca Tirrena (ME) 2002. E poi ancora il concorso pianistico nazionale città di Lamezia Terme (CZ), il concorso pianistico internazionale città di Ostuni (BR) ed il concorso Fondazione Antonio Trombone di Palermo. Nel 2011 studia presso la prestigiosa Schola Cantorum di Parigi sotto la guida del Maestro Aquiles Delle Vigne e nel marzo 2014 consegue il diploma accademico di 2° livello con indirizzo interpretativo-compositivo (pianoforte) presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali di Caltanissetta con il massimo dei voti, lode e menzione d’onore. Nel 2015 ha conseguito il Diploma Accademico di 2° Livello in didattica della musica per la formazione docenti presso il Conservatorio “V. Bellini” di Palermo con il massimo dei voti e la lode. Attualmente docente di pianoforte presso il liceo musicale e coreutico “Joan Miro” di Sant’Agata di Militello (ME), è fra i soci fondatori de l’Associazione di Promozione Sociale “Opificio Culturale Pa.Ge.Mus”di Petralia Sottana (PA). Svolge attività concertistica solistica e cameristica, riscuotendo successo di pubblico e critica.

Mauro Schembri. Nato ad Agrigento, intraprende gli studi accademici a Palermo: laureato in Discipline della Musica presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Palermo, si diploma in mandolino con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio “V. Bellini” di Palermo, dove studia sotto la guida del Maestro Emanuele Buzi. Ha seguito dei corsi di perfezionamento con il Maestro Dorina Frati e ha preso parte a numerosi concorsi musicali regionali, ottenendo spesso il primo posto.

Ha all’attivo più di 15 Festival Internazionali con l’Associazione “Sikania”, diretta da Lorenzo Puma, con il quale ha girato il mondo per ben 10 anni, tenendo anche una tournée in Giappone per la “Min-On Concert Association” di Tokyo. Fra le esperienze più significative emergono le collaborazioni con il Teatro Massimo di Palermo diretto da Renato Palumbo e da Alexander Polyanichko, con l’Ente Filarmonica Franco Ferrara e da solista con l’Orchestra da Camera “Salvatore Cicero” presso il Teatro Politeama Garibaldi per la stagione “Amici della Musica”. Ottiene il secondo posto al prestigioso concorso nazionale “Premio Abbado” del 2015 per la sezione mandolino. Nell’intensa attività svolta con il Quintetto a pizzico Nomos si esibisce per l’Auditorium RAI di Palermo, la stagione “Le bois qui Chant” a Chateau d’Oex (Svizzera), il Festival Internazionale delle Orchestre a Plettro al Teatro Greco di Taormina stagione concertistica “TaorminaArte”, l’Accademia L. Tadini di Lovere (BG), il Festival di Bellagio (CO), i “Venerdì nella Valle” presso la Valle dei Templi e il Teatro L. Pirandello di Agrigento, e la stagione “Classica e dintorni” al Castello Ursino di Catania.

Riceve il “Premio d’arte e cultura siciliana Ignazio Buttitta” XIV edizione per la sezione musica assieme al Sikania Mandolin Ensemble, presso il Castello Chiaramonte di Favara (AG) e nel settembre 2013 riceve da Ambrogio Sparagna il “Premio speciale per la critica” al Termini Folk Festival con l’ensemble di world-music Athenaeum Folk.

Le sottoscrizioni per i concerti della stagione degli Amici della musica si ricevono al museo Mandralisca.

La Stagione è stata realizzata con il contributo dell’Assessorato Regionale Turismo, Sport e Spettacolo.

INFO: 3471583029 – 3888590466 – [email protected]

CONDIVIDI