CecalSrl

Ieri sera, 31 dicembre 2015, come mia annuale consuetudine, dopo aver ascoltato il bellissimo discorso del Presidente della Repubblica, On. Sergio Mattarella, mi sono recato all’Ospedale Madonna SS.ma dell’Alto, per visitare gli ammalati ricoverati nei reparti, offrire loro il calendario del 2016 e formulare gli auguri di buon anno. Nello stesso tempo ho appreso la triste notizia della chiusura del punto nascite. Questo mi ha profondamente addolorato lasciandomi piuttosto sgomento!

Ritengo che anche i cittadini che gravitano nell’Ospedale Madonna SS. ma dell’Alto in Petralia Sottana abbiano tante difficoltà: notevoli distanze dalle aree metropolitane, condizioni meteo difficili, soprattutto nel periodo invernale, paesi di alta montagna, periodi di innevamento, nebbia fitta, ecc. Adesso, non per fare demagogia o sterili polemiche nei confronti di chi ci governa, ma solo manifestazione di disagio riguardo a certe scelte politiche e amministrative, chiedo di rivedere le vostre decisioni. Lo so che è molto difficile amministrare, soprattutto in questo periodo di profonda crisi economica. Tuttavia, ritengo che compiere certe scelte, nella fattispecie, quella di chiudere il punto nascite a Petralia Sottana è un grande errore! Lo ripeto con forza: è un grande errore!!! Non possiamo guardare solo ai numeri, anzi a tal proposito faccio appello anche alle giovani coppie: riscoprite il valore della vita, non abbiate paura di avere figli, i nostri paesi si stanno spopolando, tante case tristemente chiuse. Troppi funerali e pochi battesimi! Dove non ci sono nascite non c’è futuro! Il Capo dello stato ieri sera, a conclusione del suo discorso al popolo italiano, ha detto: “Un pensiero particolare va alle persone con disabilità, agli anziani che sono o si sentono soli, ai malati. Un augurio speciale, infine, a tutti i bambini nati nel 2015: hanno portato gioia nelle loro famiglie e recano speranza per il futuro della nostra Italia”. Perché proibire di nascere sulla montagna?

Con questi sentimenti mi permetto, con sincera umiltà e grande rispetto per le istituzioni, fare un accorato appello al Ministro della salute, On. Beatrice Lorenzin, e a quanti, a diverso titolo, sono responsabili delle sorti del nostro Ospedale: “per favore, ve lo chiedo nel nome di Dio e del nostro popolo, non chiudete il punto nascite! Non massacrate il nostro territorio, così bello, così ricco di storia, di arte, di fede”. Abbiamo tante difficoltà: Tagli, tagli, tagli, e sempre tagli! Uffici che si chiudono, servizi che vengono meno. Per favore, non dimenticate il nostro comprensorio!

Sac. Santo Scileppi – Arciprete di Petralia Sottana

CONDIVIDI