CecalSrl

Un successo strepitoso, uno di quelli che si ricorderanno a vita, che fa dire : ” c’ero anch’io “. Parliamo della serata del 29 dicembre 2015 che ha ricordato i quindici anni del film “lo specialista ” girato e interpretato da un gruppo di ragazzi di Scillato oggi divenuti grandi e padri di famiglia .

La serata e’ iniziata alle 21,00 con leggero ritardo rispetto all’orario previsto dal tabellone (20,30) per consentire i ritardatari di prendere posto in sala ed è finita intorno alle ore 24,00.

Gran cerimoniere Giovanni Capizzi segretario della locale ANCR che insieme a Sandro Mazzola, Stefano Lo Conti, Angelo Di Marco, Durim Guni, Piero Mogavero e Tommaso Rizzo, hanno allestito lo spettacolo rievocativo .

Luigia Pitingaro, affascinante valletta, ha avuto il compito di accompagnare gli attori sul Red Carpet, con eleganza e professionalità, mostrando da subito di trovarsi a suo agio nonostante fosse la sua prima volta

Gli attori chiamati, ad uno ad uno, hanno percorso i pochi metri del tappeto rosso fino ai posti loro assegnati, attraversando la sala gremita di gente che li ha accolti calorosamente sommergendoli di scroscianti applausi come delle star del cinema.

Il primo a mettere piede sul Red Carpet e’ stato Domenico Di Stefano che nel film interpretava il ruolo del barbiere a servizio del boss, poi Dario Battaglia seguito da Giuseppe Oddo entrambi nel ruolo di due teppisti.

Giuseppe Fadale, invece, a causa di impegni familiari non ha potuto essere presente e quindi sfilare in passerella .

Poi sotto una fitta scia di applausi fragorosi e’ stata la volta di
: Alessandro Capizzi nel ruolo di Tommaso Burcetta, Gandolfo Di Stefano nel ruolo del commissario Rex, Piero Mogavero nel ruolo di Pietro il galoppino del boss, Angelo Di Marco nel ruolo del boss don Vito Baffuni, il co-protagonista Salvatore Cammarata nelle vesti del killer Totò Spadduzza, il regista Giuseppe Frisa e in ultimo, con applausi da stadio, il protagonista Francesco Monteleone che nel film interpretava il feroce killer Checcovic .

Prima dell’inizio della proiezione il segretario ANCR Capizzi, ha ringraziato i presenti e ha esaltato il lavoro, lo sforzo dei ragazzi nella realizzazione del film cioè di un prodotto fino a quel momento mai concepito per Scillato evidenziandone l’aspetto sociologico e aggregante.

Ne’ ha sottolineato le sue potenzialità e lo stimolo che può costituire per le future generazioni portando, cosi, avanti l’asticella delle cose che gli scillatesi sono capaci di fare e che resteranno nella memoria di tutti . Spontaneo a questo punto il richiamo al capostipite degli artisti, il papà delle rappresentazioni teatrali scillatesi il compianto Gioacchino Di Laura che, insieme a Mario Terranova, negli anni 50, girava per le sale da ballo recitando parti dell’Orlando Furioso; le citazioni proseguono con il ricordo di peronaggi come Santo Mazzola (l’altoparlante ambulante); Don Ciccio ( U Riciuoppu) che nel periodo estivo dilettava la gente con la proiezione di film all’aperto di cappa e spade o di altro genere ; con le rappresentazioni teatrali sotto il tendone di una compagnia che si rifaceva al nome del mitico Silvio D’Amico; fino ad eventi più recenti . Ha sottolineato, il Segretario, come a Scillato ci siano tutte le condizioni per potersi avvicinare a questa attività in modo serio e professionale lanciando l’idea della realizzazione di un “polo cinematografico”.

Alla fine dell’intervento e’ stato proiettato, il tanto atteso, film amatoriale “Lo specialista” arricchito dai filmati sul backstage stage che ha tenuto incollati, divertiti, le persone alle sedie per tutta la durata del film senza mai annoiarli .

In Una breve pausa il commento del regista Giuseppe Frisa, oggi sindaco di Scillato, cha ha ringraziato i presenti e l’ANCR, scusandosi di alcune frasi scurrili contenute nella pellicola, raccontando le motivazioni che hanno fatto nascere il film e svelando che i nomignoli attribuiti ai protagonisti si rifacevano in modo scherzoso alle note caratteriali degli stessi .

Come regalo per l’affetto mostrato dal pubblico, il segretario dell’ANCR annuncia la proiezione dei “provini” relativi ad un successivo film che il gruppo aveva intenzione di girare ma che non è stato mai cantierato-

L’ ANCR poi ha offerto un rinfresco utilizzando, anche, panettoni e spumante offerti da tanti amici a cui si era stato precedentemente rivolto appello recuperandoli da un probabile disfacimento-

Numerosi i ringraziamenti espressi : a Giuseppe Frisa, sindaco di Scillato, e alla sua amministrazione per avere concesso l’autorizzazione per l’utilizzo dei locali del centro sociale, a Rosario Cali ( presidente ANCR), Salvatore Sbrigia ( vice presidente ANCR ) Durim Guni ( operatore video), Pino Frisa (operatore video), Piero Mogavero ( montaggio film e regia) Tommaso Rizzo ( montaggio film e regia) Stefano Lo Conti ( consigliere ANCR ), Angelo Di Marco ( socio attivo ANCR), Sandro Mazzola ( fotografo ufficiale ANCR) e al suo aiutante Gianfranco Frisa, a tutti gli esercenti delle attività commerciali per avere permesso di mettere in mostra nelle loro vetrine le locandine che reclamizzavano l’evento, ai giornali on line che hanno aiutato con la pubblicazione del comunicato stampa dell’evento, al parroco don Salvatore Di Marco per avere prestato il tappeto della parrocchia anche se poi non è stato più utilizzato quello.

Giovanni Capizzi

VEDI GALLERIA FOTOGRAFICA DELL’EVENTO

CONDIVIDI