CecalSrl

pollina-presepe-assessoreciricosta1-2016Con il patrocinio del Comune di Pollina e la diretta pragmatica partecipazione dell’Ass. alla Cultura Alessio Ciricosta, è stato bandito il primo concorso “Un presepe in ogni casa”.
Pe l’occasione il Sindaco On. Magda Culotta, a seguito della delibera della Giunta Municipale, ha nominato una Commissione i cui componenti sono stati: il prof. Lucio Vranca, il prof. Santi Vitrano, Rossella Musotto, Giuseppina Genchi, la prof.ssa Maria Giuliana. La Commissione ha avuto il compito di organizzare quanto necessario per una regolare e obiettiva valutazione dei Presepi presenti nelle due realtà locali.
Sono stati stabiliti, infatti, i criteri di valutazione che hanno facilitato l’arduo compito, vista la validità delle opere e, sentito il parere autorevole del Parroco Don Mauro Ciurca, sono stati esclusi dal concorso tutti i Presepi presenti all’interno delle Chiese. “La casa del Signore – ha affermato il Parroco – è un edificio pubblico, non privato, pertanto non partecipa ai concorsi”
Sia l’Azione Cattolica di Pollina sia quella di Finale si sono autoescluse. La Scuola primaria di Pollina ha partecipato all’iniziativa mettendo in risalto, come messaggio, l’anno Giubilare della Misericordia, ma non ha voluto partecipare come concorrente.
La Commissione, sentiti i pareri dei diretti interessati e dopo aver preso atto delle loro decisioni, ha escluso dal concorso le istituzioni scolastiche e quelle ecclesiastiche.
Hanno partecipato al concorso n. 8 famiglie a Finale e 5 a Pollina. Bisogna tenere presente, però, che a Pollina sono stati realizzati, in totale, 20 Presepi 15 dei quali fuori concorso. Un dato, questo, che non bisogna considerare negativo ma un esempio stimolante ed incoraggiante affinché l’iniziativa, che si è svolta per la prima volta, diventi, in futuro, tradizione ed elemento di promozione turistica.
L’esperienza vissuta dalla Commissione ha messo in luce l’importanza del dialogo con le famiglie, con i giovani, con le persone in difficoltà. Tutta gente che ha aperto le porte per accoglierla in amicizia chi doveva giudicare parte del loro operato.
I Presepi realizzati a Pollina all’esterno, sulle gradinate, sotto gli archi, sotto i muri di muschio colorati, sotto angoli rocciosi prospicienti la strada, emanavano un fascino dal sapore medievale. Le viuzze intricate diventavano deposito di fede nella più totale semplicità: una testimonianza intrisa di religiosità e di fiducia verso il prossimo.
Gli organizzatori, ascoltate le testimonianze, sono più che mai convinti, credono ancor di più nel valore della famiglia, vogliono rilanciare la tradizione dell’arte presepiale quale faro illuminante che indica, a tutte le generazioni, la strada da seguire attraverso l’unità della famiglia e cogliere, così, il significato che assume all’interno delle nostre abitazioni. Dunque, riscoprire il calore e la passione nel costruire un semplice Presepe è come sentire la presenza di Gesù che nasce per la gioia dei bambini; è come ripetere un rito il cui messaggio si trasforma in una meditazione, in un dialogo ricco di storie personali che arricchiscono il nostro “io” di umanità e di “visioni culturali”.
Dopo un’attenta e oculata valutazione da parte della Commissione, ha vinto il primo concorso il sig. Cono Fazio di Finale per l’originalità e la peculiarità di piccoli ambienti realizzati dall’autore. Ogni angolo del Presepe presentava all’osservatore dei messaggi, una miriade di rappresentazioni dal sapore artigianale che ricordavano gli antichi mestieri diventati solo ricordo.
Alla premiazione, consistente in una targa ricordo e una statuina della maternità che è stata consegnata al vincitore giorno 6 gennaio. Erano presenti: il Sindaco On. Magda Culotta, l’Assessore alla Cultura Alessio Ciricosta, l’intera Commissione, i concorrenti del concorso e un folto numero di cittadini che hanno voluto assistere alla cerimonia di premiazione.. E’ stata fatta, inoltre, una segnalazione di merito al Sig. Franco Lo Verde per il presepe realizzato in Via Caduti in Guerra – Pollina. Il Sig Lo Verde ha dimostrato, con la sua creatività, come costruire un pittoresco percorso presepiale. Un viaggio alla scoperta di atmosfere e sensazioni diverse percorrendo il centro storico di Pollina e alcuni punti strategici di Finale. La seconda e la terza segnalazione di merito sono state assegnate, rispettivamente, alla sig.ra Antonietta Cinquegrani (Pollina) e a Sara Solaro (Pollina). A tutti gli altri concorrenti è stato consegnato un attestato di partecipazione, quale riconoscenza per il contributo dato alla riuscita del concorso, e la una miniatura di un Presepe su legno traforato.
La speranza è che possa svilupparsi sempre di più, nella coscienza in ogni cittadino, la consapevolezza che la cultura, in tutte le sue forme, sviluppa la voglia di fare e contribuisce alla creazione di nuove proposte turistiche.

“Abbiamo molte cose da fare insieme.
Facciamole con saggezza, amore, gioia.
E facciamo in modo che sia esperienza umana”.
Gary Zukav

Lucio Vranca

CONDIVIDI