CecalSrl

E’ quanto accaduto ieri pomeriggio intorno alle 14.00 a Palermo, quando una pattuglia di motociclisti del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale, nell’ambito dei controlli svolti nel quartiere Ballarò, notoriamente frequentato da spacciatori e assuntori di stupefacenti, nel transitare per via Nino Martoglio, notava dei giovani parlare con un soggetto extracomunitario che indossava jeans, un giubbotto nero e una felpa di colore rosso.
Posizionatisi a debita distanza è stato necessario che attendessero pochi minuti per assistere al classico “scambio” denaro – stupefacente, intervenendo per bloccarli.
Alla vista dei Carabinieri i giovani che di trovavano attorno al pusher si davano alle fuga in direzioni diverse facendo perdere così le tracce mentre il soggetto, approfittando del momento di scompiglio si dava anch’esso alla fuga e nel contempo lanciava alcuni involucri di colore bianco sotto un autovettura disfacendosene.
Uno dei Carabinieri inseguiva a piedi il pusher, mentre un altro militare rimaneva sul posto e recuperando 16 involucri trasparenti dove all’interno vi era della sostanza stupefacente verosimilmente “eroina” per un peso complessivo di circa 12 grammi, consegnata al L.A.S.S. (laboratorio analisi sostanze stupefacenti) del Comando Provinciale dei Carabinieri di Palermo, per le successive analisi qualitative.
Dopo un lungo inseguimento a piedi, il Carabiniere riusciva a bloccarlo ed a seguito di perquisizione veniva trovato in possesso di 60 € ritenuto provento illecito e sottoposto a sequestro.
Accompagnato in caserma il giovane veniva identificato in CHUKWUCUMA Pakisen, nato in Nigeria classe 1996, senza fissa dimora.
A questo punto il CHUKWUCUMA Pakisen veniva accompagnato in Caserma per gli adempimenti del caso e dichiarato in arresto con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacenti.
L’Autorità Giudiziaria disponeva la custodia dell’arrestato presso le camere di sicurezza in Caserma, in attesa della convalida del G.I.P. del Tribunale di Palermo attesa per la giornata odierna.

CONDIVIDI