CecalSrl

Due giorni di “Gustare Sicilia” a Polizzi Generosa , dove la troupe di Telecolor ha voluto prendere atto delle condizioni meteo che fortunatamente oggi ha aiutato gli organizzatori presso Piazza Trinità, luogo in cui si è svolta l’atto conclusivo del format, con esposizione dei prodotti tipici locali e dove la presenza del gruppo folk “Polis Isis” ha animato una splendila mattinata di sole “invernale”. La troupe da ieri presente in loco ha fatto il giro del paese , iniziando ad apprezzare i luoghi del vecchio mulino in contrada “mulini”, il palazzo comunale, le bellezze del Trittico Fiammingo in Chiesa Madre, i ruderi della Vecchia Commenda e altri punti importanti del paese madonita.

L’amministrazione comunale si è messa a disposizione per la riuscita dell’evento, la presenza del consiglio comunale, della polizia locale che ha avuto il suo da fare per mettere a disposizione della troupe le migliori riprese, deviando il traffico in altre direzioni, la presenza del distaccamento l ocale del Corpo Forestale a piedi e a Cavallo ha reso ancor di più bella e caratteristica l’ospitalità che Polizzi ha dato. Non è mancata l’artigianato locale della ceramica, i prodotti culinari delle tagliatelle fatte in casa, del fagiolo badda, dei pomodori asciutti, dello sfoglio di Polizzi, i buccellati, “il coniglio polizzano” e tanta altra arte culinaria che Polizzi vanta e tramanda da generazioni in generazioni.

Arte e bellezza quindi, due giorni in cui Polizzi ha voluto far conoscere le sue attrazioni e dove il turismo deve passare da questa cittadina e anche per coloro che vogliono passare una breve vacanza , visitando e gustando quello che non si trova certamente nelle città. Giustamente è doveroso ringraziare coloro che hanno fatto si che tutto riuscisse nel migliore dei modi tra cui, ‘l’assessore Marabeti in primis, il consigliere Curatolo, le associazioni che si sono messe a disposizione, le associazioni locali, la protezione civile e la Polizia locale al completo e i volontari che come sempre sono indispensabili….

Antonio David

CONDIVIDI