CecalSrl

Ecco per i nostri lettori qualche scatto “rubato” inerente ai lavori di realizzazione della mostra sulla Grande Guerra, curata dal Generale di Brigata Mario Piraino, che si terrà al Castello di Caccamo, con annesso Museo delle Armi (1282-1943), domenica 20 marzo dalle ore 9.00 alle ore 20.00, in occasione della XXIV edizione delle “Giornate FAI di Primavera”. Ricordiamo che la mostra fotografica sarà arricchita da una superba esposizione di rare uniformi militari storiche, fornite gentilmente dal collezionista catanese Leonardo Samperi.
(2) «Corazza ed elmo Farina. La corazza Farina era un tipo di protezione individuale in uso al Regio Esercito durante la prima guerra mondiale. Deve il nome al suo ideatore, l’ingegnere milanese Ferruccio Farina. Le corazze Farina erano un elemento caratteristico delle cosiddette “compagnie della morte”, ossia dei gruppi di soldati incaricati di compiere azioni estremamente pericolose e quasi sempre fatali come, ad esempio, uscire dalla trincea per andare a tagliare il filo spinato piazzato dal nemico. 02Il loro peso era di oltre nove chili ed erano formate da due piastre a forma di trapezio, una anteriore e una posteriore, composte ciascuna da cinque strati in lamiera d’acciaio, leggermente incurvate verso i fianchi, e da due paraspalle mobili. La corazza era tenuta ferma da due bretelle, che il soldato incrociava dietro la schiena e annodava sul davanti».
Castello di Caccamo, Piazza dei Caduti 4 Caccamo (PA)
INFO: [Castello di Caccamo, orari d’apertura, venerdì, sabato e domenica ore 9.00 – 20.00]

 

 

 

 

 

 

Giuseppe Longo
@longoredazione [email protected]

CONDIVIDI