CecalSrl

“Noi e Voi… Insieme per riscoprire”: questo il titolo del progetto promosso dal Comune di Petralia Soprana che coinvolge alcuni alunni dell’Istituto Comprensivo del paese. L’obiettivo è quello di far sopravvivere e far rivivere usi e costumi di un passato non molto lontano che purtroppo rischia di scomparire. Attraverso la rivalutazione delle fonti orali e con il coinvolgimento di anziani è iniziato un percorso che mira a conservare e far conoscere alle nuove generazioni le loro radici culturali allontanando la possibile omologazione generata dalla globalizzazione. Il progetto, redatto dall’ufficio servizi sociali nelle persone dell’assistente sociale Costanza Serraino e dal capo settore Graziella Agnello e condiviso dall’assessore alla pubblica istruzione Rosario Lodico, ha già preso avvio e coinvolge gli alunni delle classi quarte e quinte della sede centrale dell’Istituto Comprensivo e dei plessi di Pianello e Fasanò. Le attività saranno realizzate attraverso dei laboratori che si tengono a scuola che vedono parte attiva quattro anziani: il fabbro Pietro D’Alberti e Giuseppe Sabatino, il calzolaio Salvatore Giaimo e il narratore Giuseppe La Placa. “Attraverso questi incontri – afferma l’assessore Rosario Lodico – si vuole dare ai ragazzi oltre che un arricchimento culturale l’opportunità di entrare a stretto contatto con anziani che hanno esercitato per lunghi anni attività artigianali ormai scomparse. È un mondo per far rivivere il passato in maniera diretta. I fondi per la realizzazione del progetto provengono dal 5 per mille che i contribuenti hanno destinato al comune di Petralia Soprana”. Il progetto durerà fino a fine maggio e vedrà anche una fase operativa che si concretizzerà presso i locali della biblioteca comunale con la creazione di piccoli manufatti. Al progetto collabora anche il personale della biblioteca comunale. “Continua la nostra azione – afferma il sindaco Pietro Macaluso – verso il consolidamento dell’identità del nostro paese anche attraverso la valorizzazione delle eredità immateriali che sono il valore aggiunto della storia di Petralia Soprana.”

CONDIVIDI