CecalSrl

Domenica 17 Aprile si è svolta, a Castelbuono, la Giornata di sensibilizzazione  “Salviamo un monumento (Ponte Panarello)”, che ha visto una buona partecipazione di volontari e cittadini.

La nostra storia e quella  dei nostri monumenti non va dimenticata. Dal nostro ponte sono  passati i viandanti, sono passati i pellegrini e gli  armenti.
La nascita del ponte Panarello,  va ricercata nella storia di Castelbuono. Erano un punto di passaggio obbligato, il crocevia delle strade che collegavano, e collegano tuttora, gli altri
centri  vicini della contea: Pollina con Isnello, Isnello con Geraci, Gibilmanna, Cefalù. Il ponte Panarello, di presunta epoca medioevale,  attraversando il  torrente San Calogero, permetteva ai signori Ventimiglia il collegamento con i porti di Tusa, Cefalù e Campofelice ,per il commercio in particolar modo di olio, grano, vino, formaggio, pellami e legno.
Lo scopo della giornata è stato quello di ripulire dalle erbacce e  dai rovi le vie di accesso al ponte, raccogliendo  i rifiuti esistenti, rendendolo fruibile e visitabile dai cittadini Castelbuonesi e turisti, sottraendolo cosi all’oblio e al degrado. Una iniziativa per sollecitare urgentemente l’amministrazione comunale al recupero architettonico e strutturale del ponte ormai in forte pericolo statico..
Sarà cura della Associazione” I gattopardi” adottare  il ponte per salvaguadarlo,
ancora nel tempo e renderlo visibile nei nostri eventi che organizzeremo in futuro . Si coglie
loccasione per ringraziare i nostri volontari e i numerosi amici che sono venuti a trovaci .

Vincenzo Allegra

CONDIVIDI