CecalSrl

Quarta candelina per il Concorso di musica “Città di Gangi”, che ha avuto un numero elevato di partecipanti ben ventidue istituzioni scolastiche e 700 alunni. La manifestazione è stata organizzata dall’associazione Ars Musicae in collaborazione con il Comune di Gangi e il contributo della BCC.

Un concorso aperto agli alunni delle scuole secondarie di 1° grado ad indirizzo musicale ma anche ex alunni che abbiano conseguito la licenza media non prima dell’anno scolastico 2013/14, limitatamente alla categoria orchestre.
La kermesse si è tenuta nella splendida cornice del palazzo Bongiorno dove si sono esibiti i solisti e le formazioni cameristiche. Una seconda commissione ha valutato ben dodici orchestre nella sede del nuovo Teatro Comunale.
“L’accoglienza e l’efficienza dei servizi sono stati il punto di forza per il successo dell’evento un vero e proprio contenitore artistico-musicale – hanno detto il presidente dell’associazione Ars Musicae Salvatore La Placa e il direttore artistico Filippo Paternò – regalando agli intervenuti un esempio di civiltà e di modernità che pone le basi per un’altra Sicilia, un luogo per la promozione umana e la valorizzazione delle risorse culturali a partire dalla scuola”.

“La manifestazione – ha detto il sindaco di Gangi Giuseppe Ferrarello – è stata un’occasione di promozione del territorio con istituzioni scolastiche che sono arrivate da Ragusa, Ispica, Comiso, Caltanissetta, Favara, Palermo, Sambuca di Sicilia e da altre città siciliane gruppi che hanno avuto modo di conoscere Gangi e il suo patrimonio storico e artistico”.
I premi consegnati dal sindaco Ferrarello sono andati a: Salvatore Matrosimone di Villarosa, Laura Manta di Caltanissetta e Giulio Lodato di Favara si sono aggiudicati il premio assoluto nella sezione solisti, l’ottetto di sax e pianoforte della Minà Palumbo di Castelbuono ha invece raggiunto la vetta più alta della sezione musica da camera da 7 a 14 elementi. Per la sezione orchestre il premio assoluto è stato assegnato all’IC Caponnetto di Caltanissetta.

CONDIVIDI