CecalSrl

Partecipare ad un progetto di scambio europeo, ha rappresentato per la nostra comunità un momento di forte crescita professionale, di confronto di metodi e tecniche inerenti la vita autonoma ed indipendente di persone affette da disabilità mentale. Negli ultimi anni la nostra comunità ha fatto un grande sforzo per la progettazione di servizi e programmi per affrontare efficacemente una rete di riferimenti con cui stabilire modelli di lavoro finalizzati all’integrazione sociale.
L’interscambio è avvenuto fra l’Associazione Down Huesca ente ospitante, che si trova in Spagna nella regione dell’Aragona, una comunità bulgara, la comunità San Pio di Geraci e la nostra. Il progetto è nato grazie alla collaborazione tra la scrivente e l’avvocato Pino Corradino presidente della Cooperativa Primavera di Geraci con il quale oramai da diversi anni si collabora al fine di portare avanti iniziative mirate a migliorare la qualità di vita dei nostri ospiti. Sperimentarsi con realtà estere che attivano programmi di riabilitazione che puntano a favorire l’autonomia e a garantire una migliore qualità della vita personale e sociale per ottenere una migliore livello di integrazione dei propri pazienti rappresenta per noi un obiettivo prioritario.
Infatti lo scambio punta a mettere in atto differenti attività volte all’inclusione sociale e a favorire laddove possibile occasioni di vita autonoma. L’associazione Huesca è gestita dai genitori di ragazzi affetti da disabilità, vanta un’esperienza di lavoro che ha favorito lo sviluppo dell’autonomia dei propri ragazzi, progetti riabilitativi che hanno una concezione dell’autonomia che non prevede il saper fare da soli, ma che vuole nel saper chiedere appoggio, collaborazione sostegno un comportamento ugualmente autonomo.
L’associazione Down Huesca rappresenta un riferimento nel mondo della disabilità, è riconosciuta come organizzazione che fornisce assistenza completa, risposte personalizzate, professionali, efficienti, continue e soddisfacenti per tutto il percorso di vita.
Una settimana dal 13 al 20 giugno intensa, ricca di emozioni uniche e straordinarie, lo scambio ha rappresentato patrimonio di conoscenze, allegria, felicità, un’esperienza che rimarrà per sempre negli sguardi e nel cuore dei nostri ragazzi, e dei nostri operatori, i quali durante il soggiorno spagnolo hanno avuto la possibilità di vivere esperienze di vita comune, di condivisione di spazi, tutte esperienze condivise 24 su 24 ore tutti insieme.
Settimana intensa con un programma ricco di attività: incontro con una squadra di rugby, gita al parco divertimento, serata folk, laboratori di animazione grafico-pittorica e musicali. Inoltre hanno visitato i luoghi di lavoro dove i ragazzi spagnoli vengono inseriti, quali: ristoranti e alberghi.
L’associazione Huesca si autofinanzia attraverso la produzione di gadgets: pen drive, specchietti, agende, matite, inoltre confezionano marmellate e polpettine che vengono immesse sul mercato di distribuzione alimentare.
In onore degli ospiti hanno organizzato una conferenza di servizio con le autorità politiche della regione Aragona, per la presentazione del progetto di scambio, durante la conferenza alcuni ragazzi hanno raccontato la propria esperienza di vita.
A fine giugno gli spagnoli verranno in Sicilia e tutto il gruppo vivrà nuovamente una fantastica esperienza di vita comune presso un residence al mare nella splendida città di Noto.
L’A.S. della Comunità Sant’Anna
Dr.ssa Giuseppina Giambelluca

CONDIVIDI