CecalSrl

La sede cefaludese dell’Archeoclub d’Italia ha donato a tutti gli alunni della terza media dell’Istituto comprensivo “Rosario Porpora” di Cefalù il volume di Nico Marino “La vita e le opere del Barone Mandralisca”, edito nel 2004 a cura dello stesso Archeoclub d’Italia.
Il testo era stato pubblicato nella ricorrenza del 140° anniversario della morte del Barone Enrico Piraino di Mandralisca, avvenuta il 15 ottobre del 1864 a Cefalù.
L’Associazione aveva assunto tale iniziativa – finanziandone interamente la stampa – per rinnovare la memoria del generoso benefattore e uomo di scienza e di cultura, che ha lasciato alla città di Cefalù, e all’intera comunità internazionale, un patrimonio, materiale e immateriale, inestimabile.
Il libro di Nico Marino, socio Archeoclub, scomparso il 18 ottobre 2010, è un’opera di esemplare valore scientifico, che ripercorre, a partire dalla genealogia della famiglia Piraino fin dall’origine della sua presenza in Sicilia (XVI sec.), la vita “piena”, seppur breve, del barone Enrico: l’infanzia, il matrimonio, le attività scientifiche, gli scambi e le relazioni culturali, l’impegno politico, l’attività parlamentare, la partecipazione alla Grande Esposizione Italiana di Firenze nel 1861, l’impegno sociale in infiniti ambiti, e infine la morte e il testamento, con la conseguente nascita della Fondazione scolastica e del Liceo. Un testo esaustivo, per di più supportato da un apparato di 400 note che lo rendono prezioso strumento di conoscenza di un uomo straordinario, inserito completamente nel contesto storico del suo tempo ma anche uomo “senza tempo”, tanto da essere ancora oggi attualissimo.
Questo libro, che noi dell’Archeoclub d’Italia teniamo come uno dei tanti doni che Nico Marino ha lasciato alla nostra comunità, è stato da noi deliberato quale dono per i 128 studenti, ragazzi e ragazze, che oggi frequentano la terza media e che dovranno fin dall’anno prossimo, con il passaggio alla scuola superiore, orientare la propria vita verso l’inserimento sociale e professionale. Lo scrive Fortunata Flora Rizzo, Presidente dell’Archeoclub d’Italia
Sede di Cefalù.
Non abbiamo trovato occasione migliore che offrire loro un libro che testimonia un grande esempio di vita, vissuta in totale pienezza e per il bene comune.
L’Archeoclub d’Italia desidera ringraziare il dirigente scolastico, i professori e soprattutto le alunne e gli alunni che hanno partecipato all’iniziativa con molta curiosità e attenzione, comprendendo appieno il valore del dono ricevuto.
L’iniziativa – conclude la Presidente – pone un ulteriore concreto tassello alla collaborazione tra l’Associazione e la Scuola Porpora, nell’ambito della convenzione stipulata fin dallo scorso anno scolastico.
La cerimonia di presentazione e di consegna del libro, avvenuta nei locali della Scuola Media, è stata condotta dalle socie dell’Archeoclub d’Italia: Flora Rizzo, Giusy Crifasi, Maria Garbo, Stefania Randazzo e Maria Garbo, con la partecipazione della professoressa Antonella Panzarella, moglie di Nico Marino.

 

CONDIVIDI