CecalSrl

Dall’11 Dicembre 2016 al 19 Febbraio 2017, organizzata da “Sicilia Antica, Sede di Roccapalumba, si svolgerà la prima Rassegna teatrale “Città di Rocccapalumba”. Tutti gli spettacoli si svolgeranno la Domenica alle ore 18.30 nel centro sociale di Roccapalumba, messo a disposizione dal Comune.
Si inizia l’11 Dicembre con lo spettacolo “Rapsodia Siciliana” con Enzo Gambino, attore eclettico che spazia tra il teatro, la televisione e il cinema. Lo ricordiamo in Distretto di Polizia, Scherzi a parte, Storie criminali. A cinema con i fratelli Taviani e per il teatro importanti lavori con lo Stabile di Catania nel “Il berretto a sonagli” con Pino Caruso; “La Lupa” con Lina Sastri; “Erano tutti i miei figli” con Mariano Rigillo. Un’esilarante pièce basata su spaccati di vita quotidiana come sberleffo nei confronti della società, attraverso un linguaggio semplice e diretto, la rappresentazione si sviluppa con sequenze sceniche, molto dinamiche e coinvolgenti, in cui appaiono, come in una continua carrellata, personaggi diversi ma legati tra loro da un filo invisibile: la sicilianità.
L’8 gennaio 2017 sarà la volta de “Schizofrenie Pirandelliane” su testi di Pirandello e Rappisi, interpretato da Ilaria Bordenca e Carmelo Rappisi che ne è anche il regista. Dalla novella “La carriola” protagonista un famoso avvocato. Fifì Belluca protagonista della novella “Il treno ha fischiato”. E ancora il patetico Ciampa (dal Berretto a Sonagli) alle prese con Beatrice. E il cav. Fiorica che ribellandosi al suo autore, si scrive la parte da solo irrompendo in scena in uno scontro verbale con Pirandello stesso e poi in un esilarante dialogo chiarificatore con la moglie Beatrice. Fra tutti questi schizofrenici personaggi, va in scena il dramma della pazzia di Antonietta Potulano moglie di Pirandello. E ancora maschere che vagano alla ricerca della propria identità.
Il 22 Gennaio 2017 la Compagnia “La Svolta” di Licata in “Il marito di mio figlio” una commedia tutta incentrata sugli equivoci e su una tematica di scottante attualità come quella del matrimonio gay. Sul palco si alternano una serie di situazioni paradossali molto divertenti. Regia di Santo La Rocca.
Il 5 Febbraio, la compagnia teatrale “Angelo Musco” di Riesi in “Amore di mamma” tratta da “Filumena Marturano” di E. De Filippo. Regia di Guglielmo Gallè. Filumena, una donna matura con un passato da prostituta è stata per venticinque anni la mantenuta di don Domenico Soriano, ricco pasticciere napoletano. Per costringere don Mimì al matrimonio e ad abbandonare la sua condotta dissoluta, Filumena si finge morente, coinvolgendo nell’inganno un medico e il prete che celebrerà il matrimonio “in articulo mortis”.
In chiusura, il 19 Febbraio “Su il sipario” spettacolo con gli Allievi del laboratorio Teatrale di Roccapalumba.

La direzione artistica della rassegna teatrale è curata dallo straodinario Carmelo Rappisi (attore).

Per info contattare Pino Pollina, Presidente di SiciliAntica Roccapalumba – 388-7428576
Anna Modica 333-7948838
Maria Nicosia 329-6272846

CONDIVIDI