CecalSrl

Stamani a Palazzo Comitini, sede della Città Metropolitana di Palermo, Il Segretario Generale Avv. Salvatore Currao e il Dirigente delle Politiche Sociali Dott. Filippo Spallina, hanno ricevuto una delegazione delle Associazioni che manifestavano contro le inadempienze relative all’erogazione dei servizi agli studenti con disabilità.
Erano presenti oltre al Segretario Generale e al dirigente alle Politiche
Sociali della Città Metropolitana di Palermo, i rappresentanti di ACA
Sicilia, A.S.C.A.P., ASD il vento in faccia, Associazione Genitori
Progetto Pilota, Associazione INSIEME ONLUS, Associazione Ragazzi di Jo
Onlus, Cisal Terziario, Con.Vi.Vi. L’autismo, SAAS CISAL e UICi.
I rappresentanti della Città Metropolitana e i delegati delle
Associazioni, dopo ampia discussione, hanno evidenziato le criticità che
affronta periodicamente il sistema dell’assistenza dell’integrazione
scolastica, facendo riferimento al fatto che il passaggio di competenze
alla Regione (la titolarità dei servizi che concernono gli studenti con
disabilità) ha portato un periodo di transizione.
Le due parti hanno convenuto che è urgente, col nuovo Governo Regionale,
farsi promotori di un Tavolo Tecnico, ampliato anche a Enti come USR e
Assessorato Regionale alla Sanità, che possa affrontare in modo sistemico,
programmatico, omogeneo e rispettando i tempi opportuni, tutti gli
interventi necessari all’erogazione dei Servizi per gli studenti con
disabilità.
-“Per quanto riguarda la Città Metropolitana di Palermo si stanno
chiudendo tutte le procedure connesse a consentire l’attivazione di tutti
i Servizi di integrazione scolastica, che noi confidiamo possa essere
effettuata entro il mese di ottobre.
Questo ritardo è dovuto al fatto che per alcuni servizi, in particolare il
trasporto, si è dovuto ricorrere a verifiche di possibilità di avvio di
procedure (accordo con AMAT per la Città di Palermo e disponibilità di
soli 4 Comuni del territorio Metropolitano per lo specifico tipo di
trasporto). Proprio in queste ore si sta cercando di definire la
possibilità di una integrazione a questo trasporto, almeno per quanto
riguardo la presenza di un minimo di tre studenti con disabilità, ad opera
di altre associazioni che hanno manifestato l’interesse a garantire questo
servizio. Per gli studenti impossibilitati a essere serviti da queste
tipologie di trasporto, si ricorrerà a un rimborso forfettario alle
famiglie che effettueranno il servizio.
Per l’accreditamento dei Servizi Specialistici, l’ 80 % delle famiglie che
ne hanno facoltà ha già fatto questa scelta, stiamo sollecitando il
restante 20% a fare altrettanto per poter avviare il servizio, precisando
comunque che abbiamo avviato le procedure della contrattazione
elettronica, con le cooperative interessate al servizio stesso.
Ribadisco che per quanto riguarda i tempi contiamo di poter attivare i
servizi entro il corrente mese di ottobre, e che subito dopo l’avvio
delle attività scolastiche si provvederà alla richiesta delle risorse
necessarie all’avvio delle attività extrascolastiche.
Il servizio all’integrazione scolastica è un intervento molto delicato e
vasto per questo richiederà, con il nuovo Governo Regionale, un Tavolo
Tecnico autorevole e qualificato, con tutte le professionalità e le
esperienze istituzionali e specialistiche. Questo per evitare stillicidi
di stanziamento di risorse, ma soprattutto per stabilire delle linee
guida, importantissime per rendere sul territorio in modo trasparente e
omogeneo il servizio in tutte le Città Metropolitane e i Liberi Consorzi
siciliani. Importante sarà una definizione di costi standard e di linee
guida soprattutto per il trasporto e il Servizio Igienico Personale,
poiché come ci è stato detto in sede di Assessorato Regionale alla
Famiglia, dall’anno prossimo, l’espletamento dei Servizi, non farà più
riferimento ad operatori socio sanitari esterni per ma solo al personale
ATA formato all’interno delle scuole.” Lo dice il Dott. Filippo Spallina Direttore Politiche Sociali Città Metropolitana di Palermo; e l’Avv. Salvatore Currao Segretario Generale Città Metropolitana di Palermo: -“Fermo restando che i fondi erogati per l’attivazione dei servizi agli studenti con disabilità da parte della Regione Siciliana sono
insufficienti a coprire il costo complessivo per l’intero anno scolastico
2017/18, l’Amministrazione si impegna comunque ad avviare i servizi”.

CONDIVIDI