CecalSrl

Tre secoli di storia, di musica, di emozioni, di tradizione è quanto racchiude l’ultima azione progettuale dell’Associazione Musicale Culturale “Francesco Bajardi” di Isnello (PA).
Lo storico sodalizio isnellese ha da poco presentato “Le frottole di Isnello – la fede di un popolo che, dal XIX secolo, una generazione tramanda all’altra”, un lavoro di ricerca attento e documentato che è confluito in un volume illustrato di oltre 140 pagine unitamente ad un cd contenente gli 8 inni sacri della tradizione isnellese eseguiti dai manoscritti, in originali, copie e trascrizioni, conservati nell’archivio storico della banda di Isnello e sopravvissuti nel tempo grazie all’infaticabile opera di salvaguardia operata da maestri, capibanda e musicanti che si sono avvicendati nel tempo.
Il progetto, nato con lo scopo di salvaguardarne l’esistenza e, contemporaneamente, mostrarne la bellezza al mondo intero, è stato promosso e finanziato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo per il bando, appunto, “Salvaguardia del Patrimonio Musicale Tradizionale” con il Patrocinio dell’Università degli Studi di Palermo e dell’Assessorato Regionale del Turismo Sport e Spettacolo.
Il cd contiene, come detto, le musiche degli 8 inni suddivise in 19 tracce audio registrate dalla Storica Banda Musicale “Francesco Bajardi” diretta dal Maestro Giuseppe Testa con la collaborazione del Gruppo Vocale Euphoné diretto dal Maestro Enzo Marino. Le incisioni sono state fedelmente effettuate secondo le musiche ed i testi che la tradizione, per mezzo di documenti e spartiti, ha conservato e tramandato fino ai giorni nostri. Il volume illustrato invece raccoglie minuziosamente ogni aspetto storico, musicale e folklorico dei rituali che tutt’oggi, anche se in forma spesso non conformi alla tradizione, continuano a vivere nella tradizione locale. E’ riportata una attenta descrizione di tutte le notizie storiche e storiografiche, la descrizione dei riti paraliturgici della frottole, gli usi ed i costumi, i testi originali, le notizie sulle origini e sugli autori degli inni ed infine oltre 80 foto di spartiti, varicedde, palii, paliotti, cortei e diversi aspetti legati a questa pratica devozionale che la banda ha ininterrottamente vissuto direttamente fino ad oggi.
Inoltre due preziosissimi contributi hanno arricchito questa pubblicazione ovvero quello di Don Pietro Piraino, sacerdote originario di Isnello, e del Dott. Giuseppe Giordano che da anni, oramai, a vario titolo si interessano di ricerche antropologiche ed in particolar modo di musiche della tradizione orale.
L’attività progettuale è stata presentata ufficialmente il 4 gennaio ad Isnello, occasione in cui è stata anche allestita una piccola mostra degli spartiti manoscritti originali di questi inni. Nel corso della serata, per l’Associazione “Francesco Bajardi” il capobanda Giuseppe Ardizzone, responsabile e coordinatore di questo progetto, ha ampiamente relazionato sull’intera attività di ricerca emozionando a tratti la platea con la proiezione di rarissime foto, specie di particolari dei manoscritti, di sensazionali documenti storici e di video d’epoca che mostravano il rituale della frottola alla fine degli anni ’80
Un lavoro di grande importanza per la storia di Isnello, un’iniziativa di grande spessore culturale che si aggiunge alle numerose attività di questa associazione da anni impegnata sia nella sua attività istituzionale che nella realizzazione di iniziative artistiche di grande pregio per la comunità e per il panorama musicale tradizionale. Un lavoro che sicuramente avrà un seguito in attività, già programmate, che vedranno le esecuzioni di questi repertori non solo ad Isnello mentre saranno è già stato inoltrato a biblioteche, fondazioni e studiosi copia di quanto realizzato quale testimonianza passata, presente e futura di questi rituali.