FROSINONE, ITALY - JUNE 16: Roberto Crivello (L) of Frosinone and Radoslaw Murawski of Palermo compete for the ball during the serie B playoff match final between Frosinone Calcio v US Citta di Palermo at Stadio Benito Stirpe on June 16, 2018 in Frosinone, Italy. (Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images)
CecalSrl

Il Palermo esce sconfitto nella seconda finale dei playoff, con un rigore dato/non dato ai rosanero e po quei palloni buttati in campo dai giocatori del Frosinone mentre il Palermo attaccava.Come ricorda un  tifoso questo tipo di atteggiamento Anti sportivo  è un episodio che può fare giurisprudenza, però, riguarda il caso dei palloni. Sono sotto gli occhi di tutti le immagini dei giocatori del Frosinone che, durante un contropiede del Palermo, lanciano in campo il pallone interrompendo il gioco.

Un episodio del genere costò in passato la sconfitta a tavolino al Bari. Parliamo di campionato primavera, sfida contro il Latina. Era il 2015 ed il giudice sportivo assegnò lo 0-3 con le seguenti motivazioni.

“Rilevata la particolare gravità del comportamento dei raccattapalle, protrattosi nel tempo, che, di fatto, ha inciso sul regolare svolgimento della gara, senza alcun doveroso intervento da parte della Società ospitante. Visto l’art. 17 comma 1 CGS. delibera di sanzionare la Soc. Bari, a titolo di responsabilità oggettiva, con la punizione sportiva della perdita della gara, con assegnazione di gara vinta alla Soc. Latina con il punteggio di 0-3.”