CecalSrl

Raffiche di vento continuano ad imperversare sul territorio siciliano e specialmente nell’entroterra del Palermitano e Catanese. Sin dalle prime ore della mattina lungo il tratto della A19 Palermo Catania si sono verificate dei disagi e dei rallentamenti nel tratto di Ponte Cinque Archi, ove qualche albero si è accasciato lungo il tratto autostradale, provocando dei rallentamenti lungo il percorso. Notevole il vento anche nel territorio interno del palermitano e sulle alte Madonie che ha portato “a galla” ramaglie spezzate, a ridosso della strada che dal terreno circostante li ha immessi lungo il tratto della provinciale e statale. Rallentamenti e percorsi a zig zag hanno costretto il rallentamento mattutino e solo nelle ore diurne si è potuto provvedere a spostare e/o pulire gli ostacoli stradali.

 

Si  nota attualmente la mancata pulizia di erba alta lungo i cigli delle strade interne delle Madonie, un mancato o ritardo di decespugliamento, così come il mancato taglio di rami sugli alberi lungo i percorsi, in aggiunta ad una totale assenza di pulizia di scarpate in quasi tutto il territorio  delle Madonie. Problemi che rendono difficile il percorso degli automobilisti che devono ulteriormente stare attenti , sopratutto nelle curve chiuse o poco visibili e, nelle stesse carreggiate, visto che l’erba si presenta anche all’interno del finestrino !

Problema notato da tutti i madoniti che si accorgono dell’effettiva mancanza di  pulizia a ridosso anche delle periferie dei comuni e seppur qualche sindaco si è adoperato agli inizi di qualche mese addietro, l’attualità e/o ricrescita  mette a rischio ancor di più il problema degli incendi. Basta lo scemo di turno per alimentare danni e rischi, soprattutto in questi giorni ove il forte vento per tutte lo ore diurne e notturne non ha diminuito la sua forza d’impeto. Prevenzione limitata a poche cose, ma forse potremmo dire che, la situazione del territorio ormai è solo quella di una rassegnazione totale a qualsiasi problema, visto che i sindaci e gli stessi cittadini, rimangono vittime di questo pourparler.