CecalSrl

orna in strada il camper delle vaccinazioni che andrà a supportare ed affiancare tutte quelle strutture dell’Asp che registrano il maggiore afflusso di utenti. Si tratta di una vera e propria equipe itinerante che, in base ai dati registrati dagli operati dei centri tradizionali di vaccinazione, andrà periodicamente ad affiancare i servizi. La prima tappa è, già, stata programmata per martedì prossimo alla “Guadagna”, Presidio che negli ultimi giorni ha fatto registrare un incremento considerevole di accessi.

Non solo il camper e l’equipe itinerante, la direzione aziendale dell’Asp di Palermo ha potenziato tutte le strutture di città e provincia incrementando l’organico con 32 nuovi operatori, di questi 22 sono medici ed in particolare: 14 medici di continuità assistenziale in plus orario; 3 medici di continuità assistenziale in plus orario destinati alle isole minori (Lampedusa, Linosa ed Ustica) e 5 medici specializzandi in Igiene e Medicina Preventiva. Oltre ai medici, l’organico dei Centri di vaccinazione dell’Asp è stato incrementato con 10 Operatori sanitari professionali (tra personale dipendente ed incaricati).

Con l’immissione in servizio a regime dei 32 operatori, i centri di vaccinazione saranno aperti anche tutti i pomeriggi della settimana (dal lunedì al venerdì).

La direzione aziendale – attraverso il proprio Dipartimento di Prevenzione, diretto da Loredana Curcurù ed il Servizio di Epidemiologia guidato da Nicola Casuccio – ha anche istituito “Centro di analisi del fenomeno” per monitorare in tempo reale gli accessi degli utenti ed intervenire nei luoghi di maggiore affluenza attraverso l’ambulatorio itinerante che lo scorso anno ha effettuato 1.794 vaccinazioni, di cui 1.474 nelle 8 circoscrizioni della città di Palermo e 320 in provincia. Come detto martedì 11 settembre, il camper sarà al PTA Guadagna.

Nel 2017 sono state complessivamente 480 mila le vaccinazioni effettuate dall’Asp di Palermo: l’aumento delle vaccinazioni obbligatorie è stato del 33,80%, ma ancora più significativo è stato l’aumento delle vaccinazioni per morbillo, rosolia, parotite e varicella: dalle 26.622 vaccinazioni del 2016 si è passati alle 43.432 del 2017(+ 63,10%), mentre l’aumento dei “richiami” di difterite, tetano, polio e pertosse è stato del 40,10% (da 26.154 del 2016 a 36.639 del 2017). Significativo anche il dato degli inadempienti recuperati: 9.549 per morbillo, rosolia, parotite e varicella e 770 per l’esavalente. “E’ un risultato – ha sottolineato il commissario dell’Asp, Antonio Candela – raggiunto grazie alla grande professionalità ed allo spirito di abnegazione di tutti gli operati dei centri di vaccinazione che, anche quest’anno, sono impegnati ad assicurare con assoluta dedizione al lavoro il servizio alle migliaia di persone che negli ultimi giorni si sono riversati nelle strutture dell’Asp di Palermo”.

Intanto il Dipartimento di Prevenzione ha, anche, messo a punto le iniziative per l’imminente campagna di vaccinazione antinfluenzale. Quest’anno – oltre alla collaborazione già sperimentata con successo con i Medici di Medicina Generale – saranno coinvolti anche i medici di continuità assistenziale di 12 Punti di primo intervento (Ppi) presenti in ciascun distretto sanitario della provincia e della città di Palermo.