CecalSrl

Il 10° Slalom delle Fonti si prepara ad alzare il tiro. Il weekend che ci apprestiamo a vivere, domani, sabato 27 (con le tradizionali verifiche tecnico-sportive) e dopodomani, domenica 28 ottobre (con Gara 1, alle 9.00), farà accendere ufficialmente i motori ed i riflettori sulla sfida automobilistica tra i birilli ospite nella cittadina madonita del Palermitano detta “dell’acqua e dei mulini”, valevole quale diciassettesima e conclusiva prova del Campionato automobilistico siciliano AciSport Slalom, che, nel recentissimo Slalom dell’Etna a Bronte, ha incoronato nuovo campione regionale della specialità il ventenne catanese (di Giarre) Michele Puglisi, su Radical Prosport Suzuki.
Il 10° Autoslalom delle Fonti Scillato, al quale hanno aderito formalmente 76 concorrenti (tra di essi alcuni tra i migliori specialisti isolani) assegnerà inoltre punti probabilmente decisivi nel 20° Challenge Palikè 2018, qui sulle Madonie approdato al quinto round di un’ennesima stagione pregna di successi agonistici per la serie regionale creata dal Team Palikè.
A promuovere con slancio, su un territorio di straordinaria bellezza e recettività, il 10° Autoslalom delle Fonti di Scillato è l’Automobile Club Palermo, coordinato dal presidente Angelo Pizzuto, ente da quest’anno affiancato a pieno titolo dalla Targa Racing Club Cerda (PA), presieduta da Vincenzo Russo ed animata dall’asso cerdese Totò Riolo (tre volte vincitore della Targa Florio) e dal consigliere Salvo Frisa. La supervisione tecnico-logistica è stata ancora una volta affidata all’esperto Team Palikè di Palermo (con al timone, a sua volta, Anna Maria Lanzarone, Nicola, Dario e Roberto Cirrito).
Tra gli enti patrocinatori del 10° Autoslalom delle Fonti Scillato, ovviamente, pure il Comune di Scillato, guidato dal sindaco Giuseppe Frisa, la cui Amministrazione crede fermamente nella promozione turistica del territorio, anche attraverso lo sport automobilistico. A collaborare nella riuscita della manifestazione, inoltre, un “pool” di sponsor privati del Palermitano, tra i quali spiccano Giaconia supermercati, l’impresa edile Isap s.r.l. e la Iacuzzo Construction Group.
Tra le numerose “chicche” dell’edizione numero 10 dello Slalom delle Fonti Scillato (la prima volta fu nel 1989, a cura del Team Palikè) la graditissima presenza del ligure Mauro Pregliasco, campione italiano Rally 1977, tra gli interpreti italiani della disciplina forse più amati di sempre. L’ex pilota “ufficiale” Alfa Romeo (chi non ricorda le sue imprese sportive al volante della leggendaria Alfetta Gtv Autodelta con motore aspirato e turbo) sarà sulle Madonie in veste di ospite d’onore (numerosissimi suoi fan siciliani attendevano da anni questo momento) ed “apripista” della competizione.
Numerosi i piloti, tra i 76 iscritti, quasi tutti del Trapanese, a poter dire la propria per quanto riguarda la vittoria assoluta, nella sfida madonita. Favori del pronostico, dunque, per il mazarese Girolamo Ingardia, sempre veloce sebbene non fortunatissimo, da ultimo, al volante dell’agile monoposto Ghipard Ghi008 Suzuki della scuderia Trapani Corse, ma riflettori puntati pure sullo stesso presidente del sodalizio granata, il “veterano” custonacese Nicolò Incammisa, ancora alla ricerca del primo successo stagionale ma sempre incisivo alla guida della Radical SR4 Suzuki 1.6. Mira al gradino più alto del podio anche l’ericino Michele Poma, campione italiano Slalom Under 23 uscente, il quale ha deciso di tentare l’assalto frontale alle Fonti Scillato con la ‘prestante’ Radical SR4 Suzuki 1.6 ex Giuseppe Castiglione, “griffata” Armanno Corse Palermo.
Occhio, per le posizioni da podio, anche al giovane agrigentino Under 23 (di Sciacca) Alberto Macaluso, con la Radical Prosport Suzuki 1.4, ai marsalesi Claudio Bologna, “nipote d’arte”, con la Gloria C8F con motore Suzuki, Andrea Foderà (F. Junior Esselle Suzuki, Trapani Corse) e Massimo Gentile (Gloria B5 Yamaha, Trapani Corse) ed all’altro esperto pilota di Sciacca Nino Di Matteo, al volante della Gloria C8F ‘Evo’ Suzuki della Tm Racing Messina, sodalizio che ha appena riposto in bacheca il secondo titolo regionale consecutivo Slalom, tra le scuderie. Tra i protagonisti più attesi nel 10° Autoslalom delle Fonti, pure il “navigato” giarrese Giovanni
Team Palikè p.za Generale Cascino, 155/156 – 90142 PALERMO
www.palike.it – tel./fax 091 546261 – cell. 337 866777 o 380 3620100 – email [email protected] – LIC. ORG. 31886
Puglisi (zio del neo campione siciliano Slalom Michele Puglisi), sulla stessa Radical Prosport Suzuki 1.6 utilizzata dal nipote (per la Giarre Corse), il rallysta cefaludese Ciccio Giardina (su Elia Avrio ST09 Suzuki, Project Team), quindi il palermitano (di Castelbuono) Rosario Prestianni, con la monoposto Kalì Super Kappa Yamaha 1150 di Armanno Corse ed il rientrante pluricampione siciliano nisseno (residente a San Cataldo) Maurizio Anzalone, su Renault Clio Rs K del Motor Team Nisseno.
E’ incandescente la lotta che si preannuncia in tutte le categorie dello Challenge Palikè 2018. Ad una sola prova dal termine (lo Slalom Città di Misilmeri del prossimo 11 novembre), la classifica assoluta provvisoria vede ben tre piloti racchiusi nel giro di soli 3 punti. Al comando è il giovane pilota di Sciacca (AG) Marco Segreto, già vice campione regionale nello Challenge Palikè 2017. Il portacolori del Project Team, al volante della piccola Peugeot 106 Rallye, precede in vetta con 45 punti il compagno di colori ragusano (di Chiaramonte Gulfi) Davide Gravina (44 punti, su Citroen Saxo Vts) quindi il palermitano di Misilmeri Francesco Castello, al 3° posto a quota 43 punti con la Fiat Cinquecento Sporting della Misilmeri Racing. Più staccati, il “veterano” ragusano Salvatore Licitra (36 punti, Renault Clio Williams) e l’altro misilmerese Filippo Ingoglia, quinto con 35 punti, anche lui con la Renault Clio Williams, ma della Misilmeri Racing.
Altrettanto emozionante la sfida tra le Dame, dove l’esperta messinese (di Novara di Sicilia) Angelica Giamboi (attualmente al secondo posto, con 36 punti, colti al volante della Fiat X1/9 della Tm Racing) ha la possibilità di sopravanzare l’attuale leader, la palermitana Enza Allotta (38 punti), assente a Scillato poiché impegnata nello Slalom Città di Simeri Crichi, nel Catanzarese, nella strenua difesa del titolo di campionessa italiana Slalom vinto lo scorso anno, con la sua Fiat 126 gruppo Speciale dell’Armanno Corse. Medesima situazione d’incertezza tra gli Under 23, dove il palermitano (nato a Belmonte Mezzagno) Gianfranco Barbaccia (secondo in graduatoria su Fiat 126 Proto, con 22 punti) ha la concreta possibilità di raggiungere e sopravanzare l’attuale capofila, il citato neo campione regionale Slalom Michele Puglisi (33 punti).
Il 10° Autoslalom delle Fonti Scillato si articolerà ancora sul classico percorso (che sino qualche anno addietro ‘inglobava’ alcune tra le più belle curve della Targa Florio dei tempi d’oro ed il già leggendario bivio ‘Firrionello’) della lunghezza di 2,990 km, con start in viale Colonnello Giuseppe Lima (poco oltre la Caserma dei Carabinieri), quindi prosecuzione attraverso la s.s. 643 e successiva “intersecazione” con la s.p. 9 bis, fino alle celebrate Sorgenti di Scillato, usate anticamente per la costruzione dei mulini attorno ai quali si estese più tardi il centro abitato e impiegate ai giorni nostri per l’approvvigionamento di acqua sorgiva (dalle straordinarie proprietà e qualità organolettiche) della città di Palermo.
Le tradizionali verifiche sportive e tecniche si effettueranno domani, sabato 27 ottobre, rispettivamente nei locali della Casa comunale di Scillato, in via Piersanti Mattarella (dalle 14.30 alle 19.00) e nel tratto antistante il medesimo Municipio di Scillato, dunque sempre nella centralissima via Piersanti Mattarella, con prosecuzione fino al vicino viale Colonnello Giuseppe Lima (in questo caso sarà possibile “punzonare” le vetture concorrenti dalle 15.00 alle 19.30).
Domenica 28 ottobre si comincerà a fare sul serio, con l’accensione di motori e di semaforo verde e con l’avvio della prima tra le tre manche in programma, come da regolamento, a partire dalle 9. A coordinare i concorrenti e le operazioni sul campo sarà il direttore di gara casertano Gioacchino Cimmino. Sono quattordici le postazioni di rallentamento per i piloti, con altrettante serie di birilli in punti cruciali del percorso di gara (chiuso al transito veicolare dalle 7.30 di domenica 28 ottobre).
Al culmine della competizione automobilistica si procederà alla cerimonia di premiazione riservata ai vincitori, sempre con il coordinamento congiunto dell’Automobile Club Palermo, della Targa Racing Club Cerda, del Team Palikè e del Comune di Scillato. La consegna dei trofei e dei riconoscimenti si attuerà domenica 28 ottobre alle 15.30, al termine della gara (e comunque ad apertura del parco chiuso) nella centrale piazza Aldo Moro, “cuore” pulsante di Scillato.